• L’accordo di riduzione del canone di locazione

    Quando il locatore decide di concedere una riduzione del canone di locazione inizialmente pattuito, la registrazione dell’atto con il quale viene formalizzato esclusivamente tale accordo, per cui non sono più dovute l’imposta di registro (67 Euro) e l’imposta di bollo (16 Euro per ogni foglio) grazie al DL 133/2014, in vigore dal 13 settembre 2014, non è un obbligo. Però la necessità di attribuire all’atto di modifica contrattuale la data certa di fronte ai terzi, risponde all’esigenza probatoria nei confronti della Amministrazione finanziaria dello Stato che, resa edotta di tale variazione, non avrà motivo di chiedere al contribuente ragione del diminuito gettito fiscale risultante dalle successive dichiarazioni dei redditi.
    In parole povere, registrare la diminuzione del canone evita di dover provare al Fisco in fase di accertamento che ho realmente percepito un reddito inferiore!